Natura Divina

Peace Basket

Bilderesultat for immaculee ilibagiza

Tra un paio di giorni saranno disponibili i prodotti del catalogo natalizio, che sono sempre ottime idee per i nostri regali. Credo che uno di questi articoli abbia un significato particolare e che meriti un post per spiegarne la storia, una storia che ce ne farà apprezzare il valore molto più profondamente e, forse, contribuire a rendere il Natale un’occasione per fare qualcosa per qualcuno.

Questa donna si chiama Immaculée Ilibagiza ed è una sopravvissuta al genocidio in Rwanda nel 1994. E’ stata rannicchiata per tre mesi con altre sette donne in un bagno nascosto di 3m x4  nella casa del suo parroco, pregando in silenzio e aggrappandosi al suo rosario quando ha sentito un Hutu gridare il suo nome fuori dalla porta.

“Sappiamo che lei è qui da qualche parte”, hanno urlato, rovesciando mobili in tutta la casa come un tornado. Questa non era la prima volta che gli Hutu erano venuti a cercare per lei – e non sarebbe stata l’ultima.

“Ogni volta che sono venuti a cercarmi, ero sicura che mi avrebbero trovata. Ho pensato che sarei morta”, ha detto Ilibagiza.

Ma non è mai stato trovata, e non è morta. Ilibagiza – un membro della tribù Tutsi – sopravvissuto per 91 giorni nel bagno nascosto, mentre il genocidio imperversava fuori della casa del parroco e in tutta la piccola nazione dell’Africa centrale del Ruanda.

Ilibagiza era una studentessa di ingegneria poco più che ventenne quando iniziò il genocidio. Era l’aprile del 1994, e lei era a casa presso l’Università Nazionale del Ruanda per le vacanze di Pasqua.

Improvvisamente, l’aereo del presidente ruandese è stato abbattuto sopra la capitale Kigali. L’assassinio del presidente Hutu ha scatenato mesi di massacri di membri della tribù Tutsi – uomini, donne, bambini – in tutto il paese. Nemmeno piccole comunità rurali come quella di Ilibagiza sono stati risparmiati.

Nel 1998, Ilibagiza emigrò negli Stati Uniti a lavorare per la pace promuovendo le Nazioni Unite. Durante questo periodo, ha condiviso la sua storia con colleghi e amici che la incoraggiò a scrivere.

Il primo libro di Ilibagiza, “Left to Tell: Alla scoperta di Dio Tra il ruandese Olocausto”, è stato pubblicato nel marzo 2006 ed è diventato rapidamente un best-seller del New York Times. Il libro, che ha venduto oltre 1 milione di copie, ha ricevuto un premio Christopher, “afferma i valori più alti dello spirito umano”.

Oggi Ilibagiza ha 43 anni, ha ricevuto dottorati onorari da diverse università ed è stata premiato con numerosi riconoscimenti umanitari, tra cui il Premio Internazionale Mahatma Gandhi per la Riconciliazione e la Pace.

Complessivamente, Ilibagiza ha scritto sette libri sul genocidio in Ruanda, la fede e il perdono e viaggia in tutto il mondo portando il suo messaggio:

“Il genocidio era orribile (…),  ma mi ha insegnato molto. Mi ha insegnato il prezzo dell’amore, della pace, della libertà. E ho perso la mia famiglia, ma ho guadagnato la comprensione della vita.”

Immaculée ha raccontato la sua storia alla Convention doTERRA “One” di settembre 2016. A questo è seguito un progetto chiamato “Rwandan Peace Basket”, ad oltre 2.000 donne sono stati offerti un programma di studio, un lavoro e un salario equo per ogni cestino realizzato esclusivamente per doTERRA. Bilderesultat for peace baskets from rwanda doterra

Per secoli gli “agaseke” – cesti ruandesi tradizionali {come quella nella foto sopra!} sono stati una parte essenziale della cultura ruandese e della vita quotidian, utilizzati come vasi per il cibo e cereali, oggetti per la casa e regali per cerimonie importanti, come matrimoni e battesimi.

Storicamente, l’arte della tessitura è stata tramandata di madre in figlia, di generazione in generazione, come un rito di passaggio che segna la transizione verso la femminilità e simboleggia la cura di una madre per i suoi figli e il suo paese. Tuttavia, dopo il genocidio del 1994, questa tradizione secolare ha assunto una nuova e potente significato in Ruanda.

Quando il genocidio in Ruanda si è concluso, le donne sono state lasciate a raccogliere i pezzi del loro paese in frantumi. Al fine di provvedere a se stesse, le loro famiglie e gli innumerevoli orfani, molte si unirono per formare cooperative artigianali superando le differenze del passato e lavorando insieme verso un futuro più luminoso.

Queste donne determinate hanno deciso di utilizzare i cestini tradizionali come simbolo di pace ritrovata del Ruanda, e i colori e i motivi dei cestini rappresentano l’immagine di due donne che si tengono per mano, scegliendo la riconciliazione, l’unità e la speranza per il futuro del Ruanda.

Quelle di Immaculée e dei cesti per la pace sono storie di vittoria sulla tragedia. Cento giorni di guerra nel 1994 divennero noti come il genocidio ruandese. Mentre le storie di perdita e la tragedia sono innumerevoli, una storia di speranza viene raccontata attraverso le persone, il paesaggio, i bambini, e soprattutto, il futuro.
Comunità di persone diverse che lavorano insieme nella tessitura tradizionale dei cesti portano un messaggio di guarigione e di armonia. Regalare i cestini è un modo per proseguire l’impegno a stabilire la pace. Queste donne riunite per tessere opere uniche, trasmettono la guarigione, speranza, forza, e l’onore.

Questo dono di pace è un set che comprende un cestino fatto a mano con fibre di sisal da piante di agave e una bottiglietta da 5 ml della miscela doTERRA Peace®. Trattandosi di pezzi unici, non è possibile scegliere il colore, che sarà scelto a caso quando si effettua l’ordine. Ogni cestino ha un bigliettino con il nome della donna che lo ha creato, e che è stata capace di scrivere grazie alla scolarizzazione ricevuta.
Tutti gli articoli natalizi saranno disponibili dal 1. novembre 2016 a mezzanotte.

E’ un regalo davvero speciale, contattatemi se vi interessa!

1 thought on “Peace Basket

Leave a Reply