Per saperne di piu'

Aprirsi agli oli essenziali – il parere di un medico

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Ho trovato questo post sul rapporto tra oli essenziali e medicina tradizionale e condivido molto il suo punto di vista, così ho pensato di tradurlo. L’autore è il dr. Dr. Brannick Riggs, medico generico.

“Che periodo emozionante in cui essere impegnati sia nel mondo degli oli essenziali che della medicina moderna! La cultura della medicina sta cambiando. Tradizionalmente è stata una cultura paternalistica, secondo un modello in cui il paziente va dal medico, che gli dice cosa deve fare. Il medico è “l’eroe”, l’unica fonte di conoscenza, formazione e presa in carico, mentre tutti gli altri servono da supporto alla sua figura. (“Building a Team Based Medical Practice,” Medical Economics, Sept. 10, 2013). La tendenza però sta cambiando e si osserva sempre più un approccio centrato sul paziente, un lavoro di squadra impegnato per la sua salute.

Il team può essere composto da un consulente, un agopuntore, un chiropratico, un medico, un allenatore, un esperto di oli essenziali, eccetera, tutti di supporto al paziente, che diventa in questo modo il leader del team che si prende cura di mantenere la sua salute, oppure di trattarla. La responsabilità quindi è nelle sue mani, dove è giusto che sia.

Per decenni, i medici hanno fatto la parte del leone prendendosi ogni responsabilità per la salute dei pazienti, non sempre con successo. Ma ora, medici e pazienti hanno trovato una strada migliore.

Diverse opzioni tra cui scegliere

La cosa emozionante è che, come pazienti e “consumatori”, possiamo decidere da soli chi ascoltare e da parte di chi. Possiamo decidere quali cure seguire, dall’ambulatorio del nostro medico o se sperimentare delle alternative. Consigliandoci e confrontandoci con altri membri del nostro team, possiamo assimilare informazioni e decidere cosa vogliamo o non vogliamo fare. Questo non significa che diventeremo irresponsabili come bambini e riterremo alcuni membri del nostro team non degni di essere presi in considerazione. Significa piuttosto che abbiamo ricercato e soppesato diverse opzioni, arrivando a decisioni consapevoli riguardo alla nostra salute.

Gli oli essenziali sono ovviamente parte di queste scelte. La mia esperienza con gli oli essenziali è iniziata come molte delle vostre. Mia moglie ed io amiamo guardare dei film con i nostri cinque figli e una sera lei appoggiò la testa sul mio petto e sentì il mio cuore battere a ritmo irregolare. Si preoccupò molto.

Promisi che sarei andato a farmi vedere da uno dei miei colleghi, per accertarmi che fosse tutto a posto. Dopo alcune batterie di test, ricevetti la diagnosi di aritmia, fortunatamente non grave e che non avrebbe messo a rischio la mia vita. Mia moglie fece le sue ricerche e una sera mi suggerì di applicare l’olio essenziale di Ylang Ylang sul torace e sui piedi prima di guardare un film insieme. Rimasi sbalordito per quanto velocemente il mio cuore assunse un ritmo normale, che mantenne per 6-8 ore. Seppi allora che questi oli hanno il potere di alterare la fisiologia del corpo. Ci sono volte in cui consultare il medico è la scelta appropriata, ma spesso possiamo mantenere la nostra salute grazie alla formazione sugli oli essenziali e l’applicazione, l’inalazione o l’assunzione di questi incredibili doni della terra.

La conoscenza del nostro corpo e degli oli essenziali può aiutarci a determinare quale scelta è la più adatta in ogni circostanza. Credo anche fermamente che tutti possediamo il dono dell’intuizione quando si tratta del nostro corpo.

Il ruolo degli oli essenziali

Come dottore di famiglia, sono grato di avere non solo le medicine da offrire ai miei pazienti. Ho trovato che gli oli essenziali sono efficaci per la loro salute ed il loro benessere e la formazione in questo campo mi ha portato a consigliarli con sempre maggiore frequenza. Quando studio gli oli e le miscele doTerra, avvalendomi del crescente volume di letteratura scientifica in proposito, mi stupisco continuamente delle proprietà delle piante. La profondità e l’ampiezza della chimica di un singolo olio è impressionante! Abbiamo solo scoperto la punta dell’iceberg per quanto riguarda la conoscenza di cosa questi oli hanno da offrire.

Spesso i miei colleghi mi chiedono come possa sentirmi a mio agio raccomandando terapie che provengono dalle piante. Quando ho iniziato ad interessarmi di cure naturali, ho scoperto che molte delle medicine comunemente usate sono derivate dalle piante. Molti medici prescrivono medicinali quali colchicina per la gotta, digossina per problemi al cuore, scopolamina per il mal d’auto. Sono tutti composti derivati dalle piante. La lista delle prescrizioni di medicine che provengono dalle piante è lunga e varia. Pertanto, la maggior parte dei medici occidentali prescrive già medicinali che provengono dalle piante e il divario non è grande come poteva sembrare. Noi medici dobbiamo procedere a piccoli passi usando tutte le risorse disponibili, inclusi gli oli essenziali.

Ho fiducia negli standard che doTerra ha stabilito e non vedo l’ora di imparare di più sulle ricerche e l’applicazione degli oli essenziali”.

Fonte:

https://doterra.com/US/en/blog/healthy-living-making-room-for-essential-oils#sthash.fphUjeFJ.dpuf

Leave a Reply