Cura della pelle, Oli singoli

Olio essenziale di gelsomino

wa-jasmine_orig

Come mai in una sera di febbraio scelgo di scrivere un post sul gelsomino? Perché quando ero piccola mi piaceva passare vicino a una casa verso sera, all’inizio dell’estate, perché aveva una pianta con i fiori bianchi e un profumo meraviglioso… ho poi scoperto, crescendo, che si trattava del gelsomino, e l’ho piantato in grandi vasi sui balconi del mio appartamento. Mi piaceva dormire con la finestra aperta, addormentarmi e svegliarmi con quel profumo che annunciava la stagione più bella dell’anno. Così, in questa sera di febbraio, con la neve di fuori dalla nostra casa in Norvegia parlo dell’olio essenziale di  gelsomino perché sto pensando all’estate italiana, ai profumi e ai colori di quella che rimarrà per sempre “casa”. Forse perché mi ci sono cosparsa questa mattina, ma quando sono uscita, anche con il freddo, sentivo un’energia fortissima nell’aria, l’energia della natura che si sta muovendo, con vibrazioni altissime.

Anche se lo chiamiamo comunemente olio essenziale, quello di gelsomino è in realtà un assoluto: gli assoluti sono simili agli oli essenziali, ma sono estratti in modo diverso perché la distillazione a vapore distruggerebbe la delicatissima composizione chimica di questo olio. Un assoluto ha bisogno di avere la cera e la paraffina separate dai composti aromatici volatili per rendere il prodotto finale più potente. E’ un olio molto, molto costoso, che però diventa abbordabile nella versione Jasmine Touch, cioè miscelato con olio di cocco frazionato. Sono 10 ml in una boccetta roll-on molto comoda per l’uso topico, che naturalmente è anche aromatico. A me piace usarlo per la pelle e come profumo, perché anche se diluito l’aroma è comunque forte e persistente,

Raccolta a mano

Jasmine

Nella fertile terra d’Egitto, la sveglia suona intorno alle 2,30 del mattino per i raccoglitori di gelsomino, che vanno nei campi nelle prime ore del mattino, prima che il sole sorga, quando i fiori migliori sono pronti per essere raccolti. Il loro compito non è facile, perché non esiste una macchina capace di selezionare i fiori con tanta precisione, ma è necessario per ottenere un olio essenziale con composti aromatici di grande qualità. Per produrre 3 Kg di assoluto di gelsomino, ci vogliono circa una tonnellata di fiori, più o meno 6.000.000.

I raccoglitori possono raccogliere solo da un determinato numero di piante ogni giorno, per prolungare la vita delle piante e non sfruttarle troppo. I raccoglitori più esperti sono in grado di raccogliere rapidamente i fiori e tornare a casa dalle loro famiglie o svolgere altri lavori nel corso della giornata, dopo aver controllato la pesatura  dei loro canestri per assicurarsi che l’importo sia corretto. In cambio dei loro sforzi, sono sempre pagati in modo equo e puntuale.

I benefici dell’assoluto di gelsomino (dal libro Guida completa agli oli essenziali, Franco Canteri):

  • Prevenzione dell’invecchiamento cutaneo
  • Cicatrizzante e antiarrossamento
  • Dermatiti
  • Febbre e colpi di sole
  • Rinfrescante e calmente
  • Dolori muscolari, strappi
  • Dolori del parto
  • Ravvivare la sessualità
  • Ritrovare ottimismo e fiducia in se stessi

Gelsomino e Frankincense

Jasmine-e-Frankincense.jpg

Tra gli aromi usati nell’antichità sia come profumi che nelle cerimonie religiose, troviamo sia il Gelsomino (il re dei fiori) che Frankincense (il re degli oli). E’ interessante che ancora oggi siano molto ricercati nel settore della profumeria, sia per l’aroma che per un’ampia gamma di benefici. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il gelsomino è usato non solo nei profumi femminili, ma anhe in quelli maschili, soprattutto abbinato al Vetiver.

Cura della pelle: Frankincense è perfetto da usare dopo la rasatura o la depilazione, diluito in olio di cocco frazionato come nella versione Touch, perché riduce la possibilità di irritazioni, seguito da Jasmine touch, prima della crema idratante, o usare sulle mani screpolatem anche in questo caso seguiti da una crema nutriente. Vanno bene anche da applicare sulle unghie, per mantenerle sane.

Pace e rilassamento: Si possono usare insieme anche nei momenti in cui sentiamo di avere troppo peso sulle nostre spalle. Si può passare Frankincense sui polsi, aspirarne l’aroma e poi passare Jasmine per sentirci ancorati nel presente. I loro profumi lavorano insieme per portare la pace di cui abbiamo bisogno.

L’olio della purezza e dell’equilibrio

16x9-jasmine-touch-spotlight-lifestyle-us-english-web

L’assoluto di gelsomino favorisce una sessualità serena. Può aiutare a risvegliare la passione e a ritrovare interesse per l’intimità, aiuta a viverla in modo sincero e pulito, a onorare e rispettare se stessi e gli altri.

Aiuta a rilasciare traumi passati legati alla sessualità. La sua natura gentile permette di affrontare le esperienze negative e facilita la guarigione. Chi ha sviluppato paure, rifiuto, o resistenza per questo aspetto della vita, chi la vive in modo eccessivo, chi usa il sesso per colmare un disperato bisogno d’amore e di approvazione, può ritovare l’equilibrio.

Richiama solo i sentimenti più puri e nobili verso la sessualità, favorendo il senso di sicurezza e di vicinanza.

Se hai voglia di scoprire gli oli essenziali, di conoscerli meglio o di provarli, scrivimi a laviaaromatica@gmail.com Mi fa piacere conoscerti e aiutarti a trovare la soluzione giusta per te <3

Questo post ha scopo semplicemente informativo e non si propone di diagnosticare, trattare o curare alcuna malattia.

Bibliografia: doTerra blog, Guida completa agli oli essenziali di Franco Canteri, Emotions and essential oils.

 

 

 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.