Natale, Oli essenziali e bambini

Høyt mot nord, der julegleden bor…

… ovvero Lassù verso il nord, dove vive la magia del Natale

foto Annie Spratt

Quest’anno il mio Natale sarà tutto al nord, visto che non si può viaggiare, così ho pensato di raccontarlo un po’: le tradizioni, l’atmosfera, qualche idea creativa. Il mio team sta preparando un vero e proprio calendario dell’avvento e insieme a Valentina Contessi di Naturalmente Olistica vi proporremo delle attività da fare con i bambini, dei lavoretti, delle storie e un po’ di yoga per passare insieme questo tempo, in famiglia.

Aggiungerò delle idee su come nella scuola steineriana si ricordano queste feste e come tutto assume un senso nel ciclo dell’anno e vi farò imparare un po’ di norvegese con una canzone che cantiamo ogni domenica.

Prima settimana di avvento

Abbiamo scelto come tema l’albero e dato che siamo a dicembre, non poteva che essere un abete. Sapevi che da questi alberi si ricavano degli oli essenziali profumatissimi che possiamo usare da diffondere, nei massaggi, sulla pelle?

L’Abete Siberiano è uno dei pochi che possiamo usare anche internamente, qui puoi leggere un post per conoscerlo meglio. Lo abbiamo scelto perché è l’olio della maturità: ci aiuta a comprendere il nostro ruolo come adulti, come genitori, come insegnanti perché gli alberi sono stabili, hanno radici profonde nella terra e si spingono verso il cielo. Noi, ognuno di noi, è un ponte tra le generazioni, ogni anno viviamo delle esperienze, aggiungiamo come l’albero un altro cerchio al nostro tronco, acquisiamo una prospettiva diversa. Il Natale è fatto di tradizioni e di ricordi, così possiamo pensare a come lo abbiamo vissuto, tirare fuori decorazioni che abbiamo da tanti anni, cucinare secondo le ricette di famiglia, guardare vecchi film e creare così dei ricordi per i piccoli. Credo che in questo momento sia più che mai importante trovare questa solidità, tra le mura della nostra casa.

Nel post di Valentina – Naturalmente Olistica puoi trovare un lavoretto molto carino: degli alberelli in feltro a cui puoi applicare una goccia di olio essenziale e profumare la casa, la storia dell’albero di natale e la descrizione della posizione yoga dell’albero, oltre alle sue riflessioni e suggerimenti.

La Spirale dell’Avvento

La spirale dell’avvento è una bella e profonda tradizione che si celebra il primo giorno di scuola di dicembre. Si dispongono rami di abete formando una grande spirale, al cui centro viene acceso un cero. Gli insegnanti preparano dei portacandele con delle piccole mele e una candelina.

I bambini arrivano nella stanza in cui c’è la spirale preparata prima, illuminata solo dal cero, e si siedono. Ogni bambino riceve una mela con la candelina spenta. Uno alla volta (se sono molto piccoli vengono accompagnati dagli adulti) camminano seguendo il percorso della spirale verso il centro, accendono la candelina dal cero più grande e ripercorrono la spirale verso l’esterno. Lasciano la candela accesa e tornano a sedersi, in silenzio. Quando tutti i bimbi hanno acceso e lasciato la loro candela, la loro spirale sarà tutta illuminata.

Qual è il significato di questa tradizione?

La spirale rappresenta la via verso il centro, dove dobbiamo andare per trovare e accendere la nostra luce. Il cero rappresenta la nostra fonte, la nostra interiorità. Una volta accesa, torniamo verso l’esterno e lasciamo la nostra luce sulla spirale, come simbolo del contributo che diamo alla comunità, dell’emanare luce e calore. I rami di abete, sempreverde, sono simbolo di vita e di eternità.

La spirale dell’avvento, quindi, è un modo per iniziare il nostro percorso verso il Natale, verso la nostra interiorità e verso la relazione con gli altri. E’ un rituale che può essere vissuto profondamente da adulti, giovani e bambini, insieme.

Tenn Lys (accendi una candela)

Questa è un’altra delle mie tradizioni preferite: ogni domenica di avvento si accende una candela e si canta una strofa di questa canzone. Lo so che molti di voi non ne comprenderanno le parole, ma questa è la traduzione della prima strofa (le altre seguiranno nei prossimi post).

Accendi le candele!

Una candela deve bruciare per questa piccola terra.

La stella splendente del cielo dove noi e tutti viviamo.

Possano tutti condividere la speranza

in modo che possano accadere cose belle.

Terra e cielo devono incontrarsi.

Una candela è accesa per questo.

Buona prima domenica di avvento! 🕯️

Valentina, Naturopata e Insegnante di Yoga specializzata nel Materno-Infantile

Elisabetta, Pedagogista, Insegnante di Scuola e Consulente in Aromaterapia

1 thought on “Høyt mot nord, der julegleden bor…

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.