Autoproduzione

Candele, Hygge e Sostenibilità

Carolyn V

In questo periodo in Norvegia ogni giorno è ora più breve e più buio di quello precedente. Il diffusore è e rimarrà il modo migliore, più efficace e più sicuro per avere un aroma salutare in casa. Tuttavia, per creare un’atmosfera accogliente, in Scandinavia si accendono per mesi tantissime candele. Fanno compagnia. E per quanto amiamo la vista di quella luce tremolante e la fragranza sofisticata delle nostre candele profumate preferite, non possiamo fare a meno di chiederci: come agiscono su di noi tutta quella cera, i colori e i profumi – disciolti nell’aria che respiriamo – ? Qual è il premio per l’atmosfera hygge che amiamo tanto?

Le candele tradizionali sono praticamente sempre a base di stearina (grassi animali o vegetali) o paraffina (rifiuti di petrolio), e quest’ultima è davvero dannosa sia per l’ambiente che per noi. Quando la paraffina brucia, crea sostanze chimiche tossiche a base di benzene e toluene, entrambi noti agenti cancerogeni. Apparentemente, respirarli fa male alla salute quanto il fumo passivo.
Molte candele contengono anche coloranti e profumi artificiali, che possono rilasciare sostanze chimiche nocive. Insieme, tutte queste particelle tossiche – senza dimenticare la fuliggine – che vengono rilasciate nell’aria nelle nostre case hanno dimostrato di causare cose orribili come problemi ai polmoni, problemi cardiaci, cancro, malattie autoimmuni e allergie. Quindi dobbiamo cercare altre opzioni e fare scelte migliori.

Ecco alcune informazioni per orientarsi:

  • Diffidare sempre di candele i cui ingredienti non sono specificati
  • Evitare paraffina e ingredienti sintetici

Quali candele scegliere?

Le candele eco-compatibili hanno stoppini di cotone o legno e sono realizzate con ingredienti vegetali naturali, come cera di cocco, cera di colza, cera d’api o cera di soia. Se sono profumate, molte scontengono oli essenziali, ma non sappiamo di quali oli essenziali si tratti e se seguite questo blog da un po’, sapete che non sono tutti uguali… In ogni caso, sono costosissime: 15 euro per tre candeline che si consumano in un paio d’ore non sono una possibilità per noi. Così ho pensato di autoprodurle, del resto tanti lo fanno, giusto? La prima cosa è stata la scelta della cera: quale scegliere? Ne esistono di tre tipi:

Cere vegetali

La cera di soia ha un basso punto di fusione, è meno calda e più sicura dopo averla spenta, permette di realizzare candele da massaggio ma anche candele d’atmosfera. E’ molto facile da usare, non necessita dell’aggiunta di oli o burri e può quindi essere utilizzato da solo. Ideale per iniziare nella fabbricazione di candele.

Cera di cocco: Questa è presumibilmente la cera più pura, più ecologica e lussuosa usata oggi (quindi più costosa). Brucia lentamente e in modo pulito e diffonde molto bene il profumo. C’è qualcosa che le noci di cocco non possono fare?

Cera di colza: È naturale, rinnovabile e biodegradabile e brucia più lentamente e più fresco, il che aiuta a distribuire meglio la fragranza. Scegli la cera di colza dall’Europa (soprattutto se vivi lì per trasporti più brevi) dove è illegale coltivare colture OGM.

Possono essere utilizzate altre cere vegetali ma in combinazione con oli vegetali, burri e / o cera di soia: cera di mimosa, di riso, acido stearico… Sono ideali per indurire le candele e farle durare più a lungo. Si fanno colare nei contenitori e possono essere utilizzati in candele con forme particolari.
Tuttavia, dovrebbero essere evitati in una dose troppo alta (potrebbero causare crepe, cristallizzare, difficoltà di fusione o anche per candele stampate, difficoltà di sformatura, deformazione di stampi in gomma o plastica …

Cere animali

Poiché la cera d’api non è vegana, purtroppo non è per tutti. Tuttavia, è una cera naturale e biodegradabile che brucia lentamente e pulisce naturalmente l’aria neutralizzando le tossine. È senza fumo e fuliggine ed è assolutamente il migliore nella sua forma naturale, incolore e profumata al miele. I colori differiscono tra le diverse cere a seconda di dove vissuto le api. Viene utilizzato in miscela con un olio vegetale al 10-20% minimo per evitare il fenomeno del restringimento e permette così di ottenere candele più tradizionali con un odore di miele molto gradevole e discreto.

Stearina: Molto spesso è composta da grassi sia animali che vegetali, il che non la rende vegana. Tuttavia, la stearina è sempre da preferire alla paraffina. E’ bene assicurarsi che le candele siano ecologiche e, se possibile, sceglierle senza contenitori in plastica o alluminio.

Cere minerali

All’inizio dell’industrializzazione la paraffina, un sottoprodotto del petrolio, ha rivoluzionato la composizione delle candele fino a diventare il leader assoluto in questo campo. E’ poco costosa, molto accessibile e facile da usare, ma è sintetica e ovviamente non rinnovabile.

Gli stoppini

Lo stoppino dovrebbe essere privo di piombo e metallo e realizzato con oggetti naturali e puliti come cotone, canapa o legno.

Considerando questi elementi, ho optato per la cera di soia non OGM di Aroma-zone, che si può usare da sola.

  • Ho prima preparato gli stoppini, immergendoli nella cera e facendoli indurire. Questo rende più facile l’inserimento dello stoppino nella base in metallo.
  • Ho sciolto la cera a bagnomaria, poi l’ho versata nei vasetti in vetro riciclati da altre candele.
  • Ho aspettato qualche minuto , poi ho aggiunto gli oli essenziali e lo stoppino.
  • Fatto! Nell’immagine sotto vedete una candela di stearina che ho trovato in casa e due candele in cera d’api che hanno fatto i bambini a scuola, semplicemente arrotolando della cera d’api intorno a uno stoppino, un’opzione molto adatta anche ai più piccoli perché non c’è bisogno di maneggiare niente di caldo.

Aggiornamento: sono passata felicemente agli stoppini in legno, che sono molto semplici da usare!

Questi sono gli oli essenziali che ho usato:

Uno stile di vita più naturale e senza sostanze tossiche si costruisce un passo alla volta, e sono felice di questa possibilità. Se hai voglia di iniziare anche tu il tuo percorso con gli oli essenziali doTerra e ti fa piacere averela mia guida gratuita, scrivimi a laviaaromatica@gmail.com

A presto!

Elisabetta

1 thought on “Candele, Hygge e Sostenibilità

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.